Prove di simmetria – Sperimentazioni con il flash (e i personaggi che si aggirano per Beufville)

Ho scattato questa foto per un gruppo a cui sono iscritta e, visto che il tema era Simmetria, la condivido anche qui.
51 Weeks-4.2
Nikon D750+Tamron 70-300 (a 100mm)
ISO200
1/125sec a f/5.6
Flash a slitta a sx a 1/4 della potenza
Dato che qui a Beufville ci sono tante belle cose in giro, ma quasi nessuna al proprio posto, ho utilizzato il pannello riflettente per avere uno sfondo omogeneo (e nascondere il disordine artistico del salotto di Beuf).
Anche io voglio il pannello!
(questo è un link di affiliazione, se ci cliccate sopra, verrete semplicemente indirizzati alla pagina di Amazon che offre il prodotto. Io riceverò il mio pacchetto di caramelle solo se deciderete contesutalmente anche di acquistare)
A sinistra ho piazzato il cavalletto con su il flash, fatto rimbalzare sull’ombrello.
Con Ombrello, non intendo quello per la pioggia, ma questo:
(questo è un link di affiliazione, se ci cliccate sopra, verrete semplicemente indirizzati alla pagina di Amazon che offre il prodotto. Io riceverò il mio pacchetto di caramelle solo se deciderete contesutalmente anche di acquistare)
Se fossi stata più accorta, avrei fatto una foto del set.
Ma sono Beuf e quindi sfrutto la vostra capacità di immaginazione per figurarvi la scena.
Visto che Le Loup non aveva intenzione di stare fermo, ho dovuto appoggiarlo ad un vasetto di vetro e promettergli che lo avrei fatto sembrare molto figo in foto 😆
Buona giornata!

4 thoughts on “Prove di simmetria – Sperimentazioni con il flash (e i personaggi che si aggirano per Beufville)

  1. Ciao sono Paola, la non-fotografa!
    Con i miei pupattoli parteciperemo a un concorso fotografico per classi di scuole di ogni ordine e grado, che ci chiede di bloccare in uno scatto “originale” la bellezza del luogo dove viviamo. Poiché Cortemaggiore offre davvero molte possibilità, e poiché scattare una foto “stile cartolina” non mi va…vorrei far sperimentare ai bimbi, in esterno, ciò che abbiamo imparato stando sempre in classe o al massimo in giardino: guardare le cose da un punto di vista strambo (c’è pure una canzone che lo dice).
    Non ho ancora avviato una “tempesta di cervelli” in classe per vedere cosa proporranno quelle pesti bubboniche, ma nella mia testa già frullava da un po’ l’idea di usare degli specchi che riflettessero parte dell’oggetto della foto. Abbiamo per esempio molte chiese e campanili e portoni interessanti, colonnine con catene (davanti naturalmente ad altre chiese),viali, monumenti nascosti dal fogliame, scalini (di sagrati di chiese! ancora…) e portici a volontà. Questi ultimo fotografati ormai dal mondo intero e quindi da me lasciati come ultima carta. Due classi due foto. Ce la faremo?
    Se hai un consiglio sui “valori” con cui impostare la fotocamera (è una nikon 5300) noi lo prendiamo eh! mica ci si offende! 😀

    Il tuo blog è divertentissimo e molto interessante contemporaneamente. Saresti stata un’ottima insegnante.
    ciao
    Paola

    1. grazie Paola! la tua iniziativa è bellissima ed hai tutta la mia stima per come la stai portando avanti. Certo che ce la farete! E l’idea di avere un punto di vista diverso la trovo ottima, oltre che stimolante (tra l’altro, tra maggio e giugno anche questo Progetto contempla “prospettive inusuali”). Sono sicura che per le impostazioni sarete bravissimi: sperimentare è sempre divertente! Ma sono comunque e sempre a disposizione e se vuoi ci sentiamo 🙂
      Fai i miei complimenti alle tue classi (e a te stessa, ça va sans dire!) <3
      Ciao, Beuf

se vuoi, scrivimi cosa pensi :)