A Beuf’s life

Sono ossessionata dalla vita ordinaria.
Fin da piccola, una delle cose che più mi piace fare è guardare dentro alle case attraverso le finestre: vedere che al di là dei muri c’è una vita, ci sono persone con i propri ritmi, i propri problemi, che – alla fine – sono i problemi di tutti. Problemi ordinari, vite ordinarie.
Tutto questo, in contrapposizione alle foto di ambienti perfetti, vite perfette, situazioni perfette, che spesso si trovano sulle riviste.

Io adoro l’ordinario e ho deciso fotografarmi in situazioni di vita quotidiana: la colazione, le pulizie, fare il bagno, perdere i calzini nella lavatrice, rimanere chiusi fuori casa.
L’idea iniziale era quella di fare una sorta di reportage familiare, ma la mia incapacità di stare davanti all’obiettivo seriamente mi ha spinta verso una direzione a me più congeniale: l’ironia.

Questo progetto è nato durante il GSFP (Gruppo di Supporto Fotografi Pigri) ed è in progress.

 

 

se vuoi, scrivimi cosa pensi :)